Antonio Rossini

Cosa prova un cane durante l'eutanasia

L'eutanasia di un animale amato è un momento doloroso per il proprietario. Molte persone non possono decidere di praticare l'eutanasia per paura che questa manipolazione causi all'animale ancora più sofferenza di quella che sta già provando a causa della malattia o della ferita. Ma a causa dell'ignoranza, una tale persona sta facendo esattamente quello che non vuole fare - cioè far sentire dolore all'animale, mentre l'eutanasia ha lo scopo di alleviare questa sofferenza, e in modo rapido e umano.

Vediamo come si sente un animale quando viene sottoposto a eutanasia e perché si può essere sicuri che non senta dolore, soffocamento o altri disagi.

È importante capire che l'animale non è mentalmente angosciato prima o, ancora di più, durante l'eutanasia. I proprietari hanno la tendenza a impregnare i loro animali domestici del proprio dolore, a trasferire i propri sentimenti su di loro, a immaginare quello che loro stessi proverebbero e penserebbero se fossero in attesa dell'eutanasia. Tuttavia, questa è una tendenza sbagliata. Gli animali non hanno un secondo sistema di segnalazione, quindi non possono avere riflessi. Solo il dolore fisico, il soffocamento e altre sofferenze fisiche sono uguali per tutti. Un animale malato non ha pensieri di un possibile futuro, non è tormentato dalla separazione, non ha paura del passaggio all'altro mondo. Ma l'animale sta soffrendo qui e ora, e vuole che finisca, anche se non può esprimerlo a parole. Così, PRIMA dell'eutanasia prova solo angoscia fisica.

Naturalmente, l'animale è profondamente stressato dal fatto stesso del dolore persistente che sta vivendo. L'animale può provare paura di fronte a un estraneo - un veterinario, e ancora di più di fronte a una clinica che puzza di altri animali e delle loro paure. Per far fronte a questi problemi, si consiglia di effettuare la procedura di eutanasia a casa. In primo luogo, l'animale sarà più calmo in un ambiente familiare. In secondo luogo, il proprietario potrà rassicurarlo mentre lo presenta al veterinario. L'opzione migliore per l'eutanasia, che renderà la procedura il più facile possibile per l'animale, è quella di stare al suo fianco durante la procedura e parlargli con parole gentili fino a quando viene messo sotto anestesia.

Ora passiamo a come gli animali domestici si sentono direttamente durante l'eutanasia.

Lo scopo dell'eutanasia di un animale è di porre fine umanamente alle sue sofferenze, non di causarle affatto. Ecco perché il primo dei due passi che compongono il processo di eutanasia è quello di mettere l'animale sotto anestesia. Questa è la stessa narcosi usata per sottoporre gli animali durante gli interventi chirurgici. Colpisce il sistema nervoso centrale e sopprime gli impulsi nervosi. I recettori del dolore sono spenti. L'animale cadrà in un sonno profondo e smetterà immediatamente di soffrire.

Il veterinario usa manipolazioni speciali per assicurarsi che la narcosi abbia fatto effetto, e solo allora inizia la seconda fase dell'eutanasia. All'animale viene iniettato un farmaco che ferma il cuore e la respirazione. L'animale malato non sente alcun dolore o disagio. Inoltre, alla fine della prima fase dell'eutanasia, si può dire che l'animale non può sentire o sentire nulla.

È possibile che, durante l'eutanasia, l'animale possa sperimentare contrazioni muscolari involontarie, spasmi e/o respirazione rapida dentro e fuori. Tuttavia, questi sono puramente riflessivi e l'animale non sente nulla.

In generale, la procedura di eutanasia di un animale dura circa 20 minuti.

Non si dovrebbe mai eseguire l'eutanasia di un animale da soli. Internet è pieno di ogni tipo di informazione e di consigli preziosi, ma quelli che li danno non sono affatto sempre abbastanza competenti. Sfortunatamente, sono spesso dati da persone senza educazione veterinaria e senza alcuna comprensione di come funziona il corpo di un animale malato o anche sano. Pertanto, se decidete di eutanasia il vostro animale, assicuratevi di invitare un veterinario della clinica. Un veterinario registrato avrà accesso e sarà approvato per i farmaci specializzati che permetteranno di eseguire la procedura di eutanasia in modo indolore e rapido. Inoltre saprà esattamente dove iniettare gli animali quando li eutanasia - e anche questo è importante. Non si assume uno chef per riparare un apparecchio complicato in casa quando si rompe. Ed è improbabile che tu lo faccia da solo. E l'organismo di un animale è una cosa molto più complessa e delicata, anche del "cervello" della tecnica più sofisticata e "intelligente". Pertanto, lasciate che uno specialista nel campo di tali organismi complessi si occupi di questo organismo complesso.

Così, durante l'eutanasia eseguita da uno specialista, l'animale non sente alcun dolore, soffocamento, crampi o altri disagi fisici. L'animale non prova nemmeno un'angoscia morale o un'angoscia per il suo passaggio all'altro mondo, ma solo il sollievo che il suo tormento fisico sia cessato.

Durante l'eutanasia, l'animale si sentirà più calmo e fiducioso in un luogo familiare, cioè a casa, e sentendo la voce del proprietario e la sua presenza - solo fino a quando l'anestetico farà effetto. Dopo che l'anestetico ha fatto effetto, l'animale non sentirà nulla.

Come si sente il proprietario durante questi processi è un argomento a parte. Tuttavia, vorremmo sottolineare che in una situazione in cui un animale sta soffrendo, è più importante pensare all'animale, alla sua comodità e a portargli sollievo in primo luogo. E il proprietario deve mettere da parte i propri sentimenti e dubbi per un po'.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnati

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}