Antonio Rossini

Rabbia dei cani

Che cos'è la rabbia dei cani?

La rabbia è un'infezione virale causata da un virus secreto con la saliva. Colpisce il sistema nervoso del cane, compresi il midollo spinale e il cervello, ed è fatale quando compaiono i sintomi.

Come si contrae la rabbia dei cani?

Contrariamente a quanto si crede, esiste più di un modo in cui un cane può contrarre il virus della rabbia. La più comune è il morso di un animale rabbioso, poiché gli animali infetti da rabbia rilasciano grandi quantità di virus nella loro saliva. Tuttavia, la rabbia può essere trasmessa anche attraverso il contatto della saliva di un animale infetto con un graffio, una ferita aperta o luoghi come la bocca, gli occhi o il naso.

Il rischio maggiore è rappresentato dagli animali selvatici; ogni cane non vaccinato che viene lasciato vagare da solo e incustodito ha maggiori possibilità di essere morso da un altro animale. I più comuni portatori del virus della rabbia sono procioni, pipistrelli, puzzole e volpi.

 Quanto dura il periodo di incubazione della rabbia nei cani?

Il periodo di incubazione della rabbia, ovvero il tempo necessario per la comparsa dei segni, può variare da dieci giorni a un anno. Tuttavia, il periodo medio di incubazione nei cani infetti va dalle 2 alle 8 settimane.

Il tempo di comparsa dei sintomi può variare a seconda della gravità del morso, della quantità di virus iniettato e della localizzazione dell'infezione. Quanto più l'infezione è vicina al midollo spinale o al cervello, tanto più rapidamente raggiungerà il sistema nervoso e inizierà a mostrare gravi conseguenze.

Stadi della malattia

Fase iniziale

I primi sintomi e segni della rabbia nei cani sono accompagnati da improvvisi cambiamenti di comportamento. Molto spesso gli animali domestici malati diventano aggressivi e perdono la paura delle persone. Attaccano oggetti animati e inanimati, mordendoli con una presa mortale. Questo provoca la rottura dei denti e persino delle mascelle.

La fase di aggressività è seguita dalla malinconia, durante la quale il cane cerca di fuggire dalla luce e dai rumori. Ogni fonte porta a una nuova esplosione di aggressività. Quando un cane infetto viene attaccato, non abbaia, ma può emettere ululati o sibili.

Come riconoscere la rabbia nei cani

I sintomi della malattia dipendono dalla sua forma. Non tutti gli animali sono aggressivi con la malattia. Alcuni diventano eccessivamente affettuosi o semplicemente apatici poco dopo l'infezione. In entrambi i casi il cambiamento di comportamento deve allertare il proprietario, poiché è necessariamente diverso da quello a cui è abituato.

Oltre al cambiamento di comportamento, fate attenzione alla comparsa dei seguenti sintomi e segni:

  • Pelo penzolante e arruffato;
  • Fotofobia e idrofobia - paura della luce e dell'acqua;
  • Respirazione rapida;
  • Costole sporgenti;
  • Tira fuori la lingua;
  • Brividi e febbre;
  • Occhi offuscati e arrossati;
  • Rifiuto del cibo e alterazione del riflesso di deglutizione;
  • Debolezza muscolare e instabilità dell'andatura.

Il sito del morso è molto pruriginoso, quindi il cane si gratta continuamente per eliminare l'irritazione. Se la bocca è danneggiata, cercherà di alleviare il prurito rosicchiando vigorosamente ossa o mobili.

Segni della rabbia nei cani

Per gli animali domestici

Gli animali domestici possono infettarsi attraverso gli animali all'aria aperta. Anche i ratti diffondono l'infezione.

Se il cane smette di rispondere alla vostra voce e si nasconde continuamente senza motivo, chiamate il veterinario. Questo comportamento deve essere controllato.

Animali randagi

Gli animali randagi sono particolarmente pericolosi perché i loro cambiamenti di comportamento non vengono monitorati. Un cane malato è riconoscibile solo dal fatto che la sua mascella è flaccida e gli occhi sono cadenti e penzolanti.

Dopo aver incontrato un cane infetto, cercate di evitare il più possibile il contatto con esso. I cani malati non annunciano un attacco abbaiando, ringhiando o drizzando le orecchie. Attaccano all'improvviso, quindi fate molta attenzione e al minimo sospetto cercate di allontanarvi il più possibile dal cane.

Non dimenticate di contattare i Servizi Veterinari. In caso contrario, potrebbero essere colpite altre persone o i loro animali domestici.

Forme di rabbia nei cani

I veterinari distinguono 5 forme che determinano il decorso della rabbia nei cani. La più comune è la forma "rampante", che si manifesta in quasi tutti i cani infetti. Le forme rare comprendono le forme atipiche e abortive. Solo in quest'ultimo caso c'è la possibilità di un recupero improvviso.

La forma pandemica e le sue fasi

Dura da 5 a 11 giorni. Si compone di 3 fasi:

  • Prodromica. Il cane diventa apatico o eccessivamente affettuoso. Il comportamento è molto diverso dal normale. A causa della mancanza di ossigeno, il cane sbadiglia spesso, inghiotte aria e sbava continuamente dalla bocca. L'appetito peggiora e diventa molto irrequieto. Evita i rumori forti e le luci intense. Questa fase dura 1-3 giorni.
  • Maniacale. Emerge l'aggressività. La forza dei movimenti di presa aumenta. L'attaccante è in grado di paralizzare non solo l'ospite ma anche se stesso. Un serraggio eccessivo delle mascelle ne provoca la rottura. La voce dell'animale diventa roca a causa della paralisi laringea. La saliva che appare schiumeggia più vigorosamente. Si verificano sbalzi d'umore. Si alternano stati d'animo violenti e depressi. L'animale soffre di idrofobia (paura dell'acqua) e mostra interesse per gli oggetti non commestibili. Gli occhi diventano rossi e infiammati e il corpo soffre di crampi dolorosi.
  • Paralisi. La voce dell'animale scompare. L'aggressività è ridotta. Il corpo è emaciato. La mascella inferiore pende verso il basso. La lingua esce dalla bocca. La laringe si paralizza gradualmente. Inoltre, la paralisi limita tutte e quattro le gambe. Il cane entra in coma. Gli organi si spengono gradualmente. Quando il cuore smette di battere o la respirazione si ferma, sopraggiunge la morte.

La prima e la seconda fase durano da uno a tre giorni. La fase finale non dura più di una settimana.

La forma silenziosa della rabbia

Questa forma prende il nome dall'assenza di comportamenti aggressivi. Sono necessari da 3 a 5 giorni perché la malattia si attenui.

Il cane diventa letargico ma mantiene l'appetito. Ben presto inizia a mangiare oggetti non commestibili e tossisce frequentemente. Gradualmente la salivazione aumenta e si verificano problemi con il riflesso di deglutizione. La mascella si blocca e l'andatura diventa difficile. Gradualmente, la paralisi colpisce l'intero corpo e uccide l'animale.

La forma atipica

È caratterizzata da una lunga durata e dall'assenza di sbalzi d'umore violenti. In media, la malattia dura da 3 a 6 mesi.

Tutti i sintomi che compaiono sono simili a quelli della gastroenterite, il che rende molto difficile una diagnosi precoce della malattia e aumenta la possibilità di infettare altri animali o l'uomo. Un animale morso diventa meno attivo. L'animale diventa letargico e debole. L'appetito si riduce. Si osservano vomito e diarrea con macchie di sangue.

La malattia può anche andare in remissione per più di una settimana. Anche se la situazione migliora, ogni ricaduta diventa più grave e alla fine porta alla morte dell'animale. Questa condizione può durare fino a sei mesi.

La forma abortiva della rabbia

La forma più rara, che è accompagnata da una guarigione spontanea. A causa del basso numero di risultati positivi, la causa dell'improvviso recupero non è ancora stata chiarita.

Rischio di trasmissione della rabbia all'uomo

Quando una persona entra in contatto con un animale sospetto di rabbia, il rischio di trasmissione della rabbia deve essere valutato attentamente. Procioni, volpi, puzzole e altri carnivori selvatici, così come i pipistrelli, rappresentano un rischio significativo ovunque venga rilevata la malattia, indipendentemente dal fatto che siano stati osservati comportamenti anomali. I pipistrelli insettivori, anche se di piccole dimensioni, possono provocare ferite con i denti, quindi non devono mai essere catturati o raccolti a mani nude. I morsi di pipistrello possono essere ignorati o passare inosservati, quindi il contatto diretto con i pipistrelli può essere considerato un rischio di contrarre il virus.

Qualsiasi carnivoro selvatico o pipistrello sospettato di infettare l'uomo con la rabbia deve essere considerato affetto da rabbia, a meno che la diagnosi di laboratorio non dimostri il contrario; idealmente questo include i pipistrelli a contatto diretto con l'uomo, come quelli trovati in stanze con esseri umani addormentati o comunque inconsapevoli. Gli animali selvatici, compresi gli ibridi di lupo, non dovrebbero mai essere tenuti come animali domestici; se un animale selvatico domestico o un ibrido di lupo espone un essere umano o un animale domestico alla rabbia, deve essere eutanasia e testato per la rabbia.

Qualsiasi cane, gatto o furetto domestico sano, vaccinato o meno, che abbia morso una persona o abbia comunque salivato su una ferita fresca deve essere isolato per 10 giorni per essere tenuto sotto osservazione. Se entro questi 10 giorni l'animale mostra segni di malattia, deve essere immediatamente eutanasia e inviato per accertamenti. Se l'animale che ha causato l'infezione è un randagio o un animale indesiderato, deve essere immediatamente sottoposto a eutanasia e inviato per i test.

La vaccinazione pre-esposizione è altamente raccomandata per tutte le persone appartenenti a gruppi ad alto rischio, come il personale veterinario, gli addetti al controllo degli animali, i lavoratori dei laboratori di controllo e diagnostica della rabbia e i viaggiatori che lavorano in Paesi in cui la rabbia dei cani è comune. Tuttavia, la sola vaccinazione pre-esposizione non è affidabile in caso di successiva esposizione al virus della rabbia e deve essere integrata con dosi aggiuntive di vaccino. Per le persone sane e non vaccinate morse da un animale rabbioso, il trattamento consiste nella cura della ferita, nella somministrazione locale di anticorpi antirabbici sulla ferita e in diverse dosi di vaccino per quindici giorni. Con un trattamento tempestivo e appropriato, le moderne cure post-esposizione garantiscono virtualmente la sopravvivenza umana.

Cosa fare in caso di morso di cane rabbioso?

La ferita deve essere lavata il prima possibile con acqua corrente e una soluzione di sapone denso. Questo non va fatto solo in caso di morso, ma anche in presenza di un graffio o di saliva sulla pelle. Dopo il trattamento, applicare un antisettico e un bendaggio.

Oltre al veterinario, contattate immediatamente un centro traumatologico. Se l'esito è favorevole, i segni caratteristici dell'infezione possono non comparire. La vittima deve ricevere 6 iniezioni nella zona della spalla entro 3 mesi. Il virus viene soppresso dalle immunoglobuline o dal siero antitetano. Nel primo caso, il preparato contiene anticorpi in anticipo per combattere l'infezione, mentre nel secondo caso l'organismo li produce da solo.

Diagnosi di infestazione da rabbia

Un altro problema associato alla rabbia è la diagnosi. Test diagnostici accurati possono essere eseguiti solo dopo la morte dell'animale malato. Tutti i metodi diagnostici su animali vivi per individuare la rabbia sono inaffidabili.

Le misure diagnostiche sono molto importanti se il cane è stato morso o è entrato in contatto con animali selvatici. In questo caso il cane deve essere messo in quarantena per 14 giorni e il proprietario deve rivolgersi a un medico.

I sintomi clinici, come il comportamento aggressivo, la bava e l'alterazione dell'assunzione di cibo e acqua nei cani con possibile infezione da rabbia o nei cani abbandonati, sono segni diretti di isolamento e quarantena.

Diagnosi di infezione in animali vivi

I seguenti metodi diagnostici vengono utilizzati quando l'animale è ancora in vita:

  • Test rapido. Il test rapido one-step per l'antigene della rabbia è un test qualitativo che mostra un risultato "positivo" o "negativo" (se l'antigene è presente o meno). Il test utilizza la saliva di un animale vivo.

Falsa rabbia: cos'è?

La falsa rabbia è la malattia di Aujeszky, o pseudo-rabbia. È una malattia virale mortale degli animali. La falsa rabbia è causata da un virus della famiglia degli herpesvirus, che colpisce il cervello e causa l'infiammazione delle meningi, con conseguente morte. I suini sono portatori del virus. I cani si infettano mangiando carne di maiale non trattata e sottoprodotti contenenti il virus. L'infezione per via aerea dei cani domestici da parte dei suini non è ancora stata completamente confermata.

La malattia di Aujeszky è simile alla rabbia e presenta i seguenti sintomi:

  • Disturbi del comportamento (agitazione o apatia, irrequietezza);
  • Febbre;
  • Sbavamenti;
  • Rifiuto del cibo e disturbi digestivi;
  • I cani malati possono strillare e ululare;
  • I segni specifici sono "faccia ansiosa" e prurito con grattamento;

I cani malati non devono essere trattati. La falsa rabbia si conclude con convulsioni, paralisi e sempre con la morte.

È possibile curare la rabbia in un cane?

Non esiste una cura per il virus della rabbia ed è fatale per qualsiasi cane non vaccinato. Poiché la rabbia rappresenta un grave rischio per la salute, il cane viene spesso sottoposto a eutanasia per evitare un'ulteriore trasmissione ad altri animali e all'uomo.

I cani che sono stati vaccinati contro la rabbia vengono rivaccinati se c'è una possibilità di infezione. Ciò contribuisce a rafforzare l'immunità del cane contro la rabbia e a ridurre le possibilità di sviluppo del virus. Anche se il cane è stato vaccinato, in caso di sospetto di rabbia può essere necessaria un'osservazione di 7-10 giorni.

Se il vostro cane viene morso da un animale estraneo, cercate di ottenere il maggior numero di informazioni possibili sull'animale, in particolare la sua storia di vaccinazione e il numero di etichetta antirabbica o di patente canina (se disponibile).

Per legge, una diagnosi di rabbia deve essere segnalata al dipartimento sanitario locale. I cani non vaccinati che sono stati morsi o esposti a un animale rabbioso devono essere messi in quarantena per un massimo di sei mesi, secondo le normative locali e statali. Un cane vaccinato che attacca un altro animale o una persona sarà messo in quarantena in una struttura approvata e potrà essere sottoposto a eutanasia.

Esiste una cura per la rabbia nei cani?

Non esiste una cura per la rabbia e purtroppo i cani infettati dal virus o sospettati di avere la rabbia e non adeguatamente vaccinati vengono quasi sempre sottoposti a eutanasia.

Vaccinazione e prevenzione della rabbia nel cane

Portate il vostro animale domestico dal veterinario o in clinica per la vaccinazione antirabbica. Sono disponibili vaccini per cani, gatti e persino furetti. Vaccinare un cane è necessario per evitare che prenda la rabbia ed è anche obbligatorio per legge.

Evitare in ogni caso il contatto con animali selvatici, vivi o morti. Gli animali possono espellere il virus attraverso la saliva due settimane prima dei segni della rabbia e conservarlo nei tessuti del corpo poco dopo la morte.

Riducete al minimo le possibilità che i vostri animali domestici entrino in contatto con animali selvatici. Tenete i cani al guinzaglio e sorvegliateli quando sono all'aperto. Riparare la lettiera all'esterno evita di attirare gli animali selvatici. La rabbia è un problema di salute pubblica e ci sono strumenti disponibili per tenere gli animali selvatici lontani dai nostri animali domestici. Se notate animali randagi o selvatici, chiamate la protezione animali.

Il vaccino antirabbico, somministrato prima che il virus penetri nel sistema nervoso del cane, è estremamente sicuro ed efficace. Tuttavia, nonostante tutte le misure per prevenire l'infezione, il contatto con gli animali rabbiosi può ancora verificarsi. Ricordate che gli animali infettati dal virus della rabbia rilasciano il virus prima che compaiano segni anomali di malattia, quindi vaccinare i vostri animali domestici è fondamentale.

Un animale vaccinato può ammalarsi?

La risposta immunitaria dura fino a un anno di età, ma si attenua sei mesi dopo la vaccinazione. Da quel momento in poi, l'animale vaccinato diventa più suscettibile all'infezione. I casi rari di infezione sono solo il 2-4%.

Dopo un attacco a un cane vaccinato, controllare il passaporto veterinario dell'animale per verificare la data dell'ultima vaccinazione e fare una seconda vaccinazione antirabbica. L'animale deve essere isolato fino a quando non saranno chiarite le circostanze. Se l'animale è stato vaccinato di recente e riesce a graffiarvi o a mordervi, di norma non viene somministrata alcuna vaccinazione.

Se gli animali vengono vaccinati per tempo, il rischio di infezione mortale è praticamente nullo. L'immunità esistente e un'ulteriore dose di siero dopo il morso garantiscono l'eliminazione dell'infezione.

Cosa devo fare se il mio cane è entrato in contatto con un animale potenzialmente rabbioso?

Contattate immediatamente il veterinario affinché possa esaminare e pulire la ferita e somministrare al cane la vaccinazione antirabbica. Non cercare di pulire la ferita da soli, a meno che non si indossino guanti di gomma e si sappia cosa si sta facendo. La rabbia è contagiosa per gli esseri umani, quindi se venite a contatto con la ferita potreste infettarvi anche voi.

È inoltre necessario contattare il dipartimento sanitario locale e sporgere denuncia, in modo che possano trovare e rimuovere l'animale rabbioso dall'area prima che possa nuocere ad altre persone o animali.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnati

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}