Antonio Rossini

Forni Crematori per Animali

La legislazione in vigore stabilisce che è vietato scaricare carcasse di animali non autorizzate vicino a edifici residenziali. Non è nemmeno consentito stabilire aree di sepoltura in tali aree. Non è nemmeno permesso seppellire animali nei cimiteri della gente comune.

Tali regolamenti sono legati alle norme sanitarie, dove lo smaltimento di cadaveri o di altri rifiuti biologici deve essere effettuato secondo un determinato algoritmo. A questo scopo si utilizzano i crematori.

Cosa sono i crematori e come funzionano?

La cremazione degli animali, come processo di smaltimento ecologico e civile dei rifiuti biologici, è un fenomeno relativamente recente. In passato non esistevano leggi severe e molti proprietari di animali o imprenditori, la cui attività comportava malattie e decessi di animali, non si preoccupavano molto del corretto smaltimento dei cadaveri. Ora lo smaltimento, soprattutto su larga scala, deve essere gestito da servizi speciali.

Una dozzina di anni fa si poteva osservare senza sorpresa come il proprietario di una fattoria contaminasse le aree adiacenti con cadaveri di animali: bovini, pollame. Venivano semplicemente portati nel campo più vicino, dove venivano seppelliti o, peggio ancora, gettati in fosse, fossati e burroni. Questo approccio inquina l'acqua e il suolo. Durante la decomposizione, il veleno cadaverico e gli elementi chimici prodotti dalla decomposizione si diffondono su vaste aree. Di conseguenza, non c'è da stupirsi se si verificano epidemie e contaminazioni dei terreni agricoli.

L'uso dei crematori non è solo un modo umano di smaltire le carcasse di animali, ma anche il più sicuro per l'uomo e l'ambiente. Durante l'incenerimento i resti biologici vengono eliminati quasi completamente. Sotto l'influenza di una temperatura molto elevata, tutti i possibili virus e microrganismi patogeni vengono distrutti, eliminando così la minaccia di contaminazione biologica.

È logico che è impossibile immaginare una fattoria moderna senza un crematore. Sono necessari negli allevamenti di pollame e nei macelli. Anche le carcasse di animali provenienti da cliniche veterinarie devono essere incenerite in un crematorio. La pratica dimostra che questo metodo di smaltimento consente di liberarsi di rifiuti biologici in grandi quantità, senza limitare le dimensioni del corpo di un animale domestico o animale morto. Non ci sono danni irreparabili all'ambiente e non c'è contaminazione del suolo o delle acque sotterranee. Un rapido incenerimento in un crematorio è necessario anche per evitare possibili focolai di malattie infettive.

Crematori: tipi

Lo smaltimento dei rifiuti organici (cremazione) avviene con uno dei due dispositivi - crematori o inceneritori. Si tratta di grandi inceneritori in cui i corpi morti vengono distrutti da una temperatura estremamente elevata. I dispositivi si differenziano per il loro design e per il tipo di rifiuti che possono essere utilizzati in ciascuno di essi.

Gli inceneritori sono adatti all'incenerimento di rifiuti medici biologici, rifiuti solidi urbani, oli usati e rifiuti industriali. Tali dispositivi sono sempre dotati di un'altra camera per l'incenerimento supplementare e la rimozione dei gas di scarico. In questo modo si riduce l'emissione di inquinanti nell'ambiente e si riduce l'inquinamento atmosferico. La temperatura di combustione in un inceneritore è più alta rispetto a quella di un crematorio; ciò si ottiene installando ventilatori più grandi.

Tuttavia, i crematori hanno anche una camera di postcombustione. Tuttavia, non possono essere utilizzati al posto degli inceneritori.

Questi due dispositivi non devono essere confusi con i tradizionali inceneritori di rifiuti.

Le principali differenze tra crematori e inceneritori sono le seguenti:

  •  Le dimensioni e la capacità della camera. Il dispositivo pesa da 300 kg a 3 tonnellate. Il carico minimo per 1 volta è di 50 kg, quello massimo di 1 tonnellata.
  •  Tempo di combustione. Varia da 1 ora a 30 ore a seconda della quantità di carico.
  •  Fonte di energia. I crematori e gli inceneritori possono funzionare a gas naturale, meno spesso a gasolio.
  •  Tipo di installazione. I forni non sono solo stazionari, sempre fermi in un posto, ma anche mobili.

Come funzionano i crematori

Gli elementi principali di un crematore sono due: un enorme bruciatore in grado di produrre temperature molto elevate e una camera (tramoggia) per la combustione. La superficie interna della tramoggia è solitamente dotata di una finitura che funge da isolamento termico e consente all'unità di mantenere temperature fino a 1.000 gradi.

I componenti principali di un crematore:

  •  La porta (portello) per il caricamento dei rifiuti.
  •  Camera di combustione stessa.
  •  Scatola di controllo.
  •  Camera di postcombustione.
  •  Camera per lo smaltimento di ceneri e fanghi.
  •  Camino di sfiato dei fumi.

Normalmente l'unità funziona con un solo bruciatore, ma esistono modelli con due bruciatori. Il secondo di questi è collocato in una camera aggiuntiva. È qui che avviene la decontaminazione finale dei rifiuti biologici.

L'alimentazione del combustibile è regolata dai bruciatori, che modificano l'altezza della temperatura nella camera. Per garantire una migliore circolazione del calore all'interno del forno, vengono installate delle griglie. Le unità di grande volume non possono farne a meno, soprattutto se per lo smaltimento vengono utilizzati rifiuti ad alta umidità.

Come risulta evidente, il principio di funzionamento principale del crematore è la combustione ad altissima temperatura. Il biomateriale viene caricato manualmente. Di solito non viene riempito più del 70% del volume massimo consentito, per garantire una combustione completa. La funzione dell'operatore del crematorio è semplicemente quella di controllare il bruciatore a tempo e impostare un timer. La combustione procede quindi in modo naturale. Una volta completata la procedura, la cenere viene rimossa manualmente dal pozzo nero.

Perché non si dovrebbero seppellire gli animali da soli

Il rischio di diffusione di un'epidemia è reale se le carcasse di animali vengono sepolte nel terreno in modo incauto. Il bestiame, il pollame e gli animali domestici morti non devono essere smaltiti gettandoli in paludi, fiumi, seppellendoli nel terreno o gettandoli nei bidoni della spazzatura. La decomposizione del materiale biologico inquina rapidamente e pesantemente l'ambiente.

Un crematore è d'obbligo in qualsiasi impianto di produzione o fattoria.

Se un animale domestico sta morendo, è necessario contattare un veterinario o un servizio veterinario. Uno specialista verrà a casa vostra, preleverà il corpo dell'animale e lo consegnerà per la cremazione. Forniamo servizi di cremazione generale (incenerimento in una camera con altri corpi di animali) e cremazione individuale. Se lo desiderate, potete raccogliere le ceneri del vostro animale domestico defunto e persino assistere allo svolgimento del processo.

Vantaggi e svantaggi

I crematori per animali, nonostante i loro vantaggi per la società, non sono privi di svantaggi:

  •  Rischio di incendio (se il funzionamento non è corretto).
  •  Inquinamento atmosferico parziale da prodotti di combustione.
  •  Necessità di lavoro manuale (carico e scarico).

Tuttavia, i vantaggi della cremazione per gli animali sono molto maggiori:

  •  Semplicità nello smaltimento dei cadaveri.
  •  Buona igiene.
  •  Efficienza.
  •  Riduzione del danno ambientale (rispetto ai siti di sepoltura e alle fosse).
  •  Scelta del regime di cremazione individuale.
  •  Intervento umano minimo nel processo.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnati

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}